Canapa: il materiale da costruzione del futuro

Edilizia responsabile e sostenibile di altissima qualità con la canapa

L’isolamento in canapa è la combinazione perfetta tra ecologia e high-tech, oltre ad essere anche un concetto di sostenibilità a 360 gradi che copre l’intero ciclo di vita del pannello isolante in questa fibra, dalla raccolta al riciclaggio delle materie prime.

– Efficace isolamento termico: riduce il consumo energetico fino al 30%.
– Ottima protezione del suono e del calore.

Già solo queste semplici caratteristiche la rendono conveniente

Eccezionale equilibrio ecologico, la canapa è nettamente sostenibile

La canapa ha un eccellente equilibrio ecologico: la materia prima cresce molto velocemente, fino a 4 metri in 100 giorni. Le piante non necessitano di fertilizzanti e, grazie alla loro naturale resistenza ai parassiti, rendono superfluo l’uso di pesticidi.

La canapa ha una tradizione millenaria come materiale da costruzione, che oggi sta vivendo una vera e propria rinascita. La fibra della canapa viene utilizzata per produrre materiali da costruzione e cellulosa per la produzione di carta.

La fibra di canapa è estremamente resistente e viene utilizzata sempre più spesso nella realizzazione di edifici di vario tipo.

Accumulo di calore o isolamento termico, isolamento acustico o protezione antincendio: la canapa risulta essere sempre la soluzione ottimale.

A questo si aggiunge la sostenibilità della materia prima canapa. Ma anche l’elevata facilità di lavorazione rende la canapa perfettamente adatta per l’edilizia, perché le fibre possono essere utilizzate comodamente e senza aggiungere materiali o sostanze dannose per la salute.

Le fibre di canapa possono essere impiegate come materiale isolante per pareti, soffitti e tetti e possono essere combinate con tutti i materiali da costruzione a diffusione aperta come la muratura o il legno.

Anche per quanto riguarda la protezione da eventuali incendi, l’uso della canapa risulta essere molto vantaggioso, poiché la fibra è considerata difficilmente infiammabile e non sviluppa gas di decomposizione tossico. Anche il pericolo del cosiddetto effetto camino viene evitato servendosi della canapa come materiale da costruzione.

Il feltro di canapa è molto adatto per l’isolamento dalle vibrazioni e dal rumore. La propagazione del suono può essere gestita con pannelli isolanti in canapa, in modo tale che il rumore proveniente dall’esterno sia smorzato e quello presente all’interno dell’edificio possa essere fortemente ridotto, mentre le fibre di canapa regolano naturalmente anche l’umidità dell’ambiente.

Le fibre di canapa non sono considerate commestibili da parassiti come coleotteri o topi, motivo per cui evitano le case isolate in canapa.

197 Condivisioni