Canapa in Israele

Canapa in Israele

Nella terra che ha, con ogni probabilità, fatto da ponte alla canapa tra l’Oriente e l’Europa molti millenni fa, si assiste ad un ritorno sempre più prepotente di questa pianta in vari settori produttivi.

Dopo più di 70 anni dal suo rapido declino, lo Stato israeliano ha intenzione di investire parecchio in attività di produzione ed esportazione della canapa industriale di diventare, persino, un centro di eccellenza mondiale: esso è, infatti, un settore in notevole crescita e lo dimostra il fatto che Israele è il secondo concorrente nel mercato della cannabis per uso medico, dopo il Regno Unito. Leggi tutto “Canapa in Israele”

I volti della canapa

Volti della canapa

Un viaggio italiano lungo anni. Un progetto che attraversa la penisola da nord a sud raccontando storie di uomini e donne che utilizzano la cannabis come terapia per mantenere o raggiungere un livello di vita qualitativamente dignitoso.

“I Volti della canapa” è il libro di Maria Novella De Luca, fotoreporter “emozionale” che per anni ha raccolto testimonianze e catturato sensazioni di chi ancora oggi lotta per il diritto alla cura.

Il volume, edito nel Maggio 2019 da Crowdbooks, è una dispensa di scatti che riflettono la quotidianità, accompagnati da parole di affetto e amicizia: sentimenti che, nel tempo, sono indissolubilmente maturati. Leggi tutto “I volti della canapa”

Il progetto Nozze di Canapa

Nozze di Canapa

Tra le migliaia di aziende che in Italia operano nel settore della canapa, gettiamo oggi uno sguardo su chi sfrutta tutti gli utilizzi possibili della canapa in un singolo indirizzo: l’organizzazione di matrimoni. Parliamo di Sabrina Roghi e del suo progetto Nozze di Canapa.

Redazione: Innanzitutto chi è Sabrina Roghi?

Sabrina Roghi: Sono una mamma titolare di un’agenzia di wedding planner (organizzatore di matrimoni) con base in Toscana ma che opera su tutto il territorio Nazionale, Isole comprese. Lavoro molto sui social e cerco di educare le persone ed i clienti per sfatare i luoghi comuni che circondano la canapa e la sua erronea associazione alle sostanze stupefacenti ed evidenziare l’immenso potenziale che ha questa pianta. Leggi tutto “Il progetto Nozze di Canapa”

La coltivazione della canapa – corso, seminario, workshop

corso di formazione canapa

Come fare impresa con la coltivazione di canapa

Il ritorno alla coltivazione della canapa industriale è sancito dalla recente legge nazionale L.242/2016 e da diverse leggi regionali. La coltivazione della canapa legale è un’attività regolata che apre un nuovo scenario per gli operatori agricoli italiani con sbocchi di mercato estremamente promettenti. Leggi tutto “La coltivazione della canapa – corso, seminario, workshop”

Piombino, libero giovane coltivatore di canapa industriale

Libero. E’ una parola meravigliosa che ha ispirato grandi menti antiche e moderne, ma alle orecchie di Mattia Giorgi, 24enne di Piombino, deve essere sembrata come il canto degli angeli serafini.

Ma procediamo con ordine: tutto è iniziato il 17 Luglio scorso quando Mattia si è recato, come ogni giorno, ad innaffiare il suo terreno coltivato a canapa industriale, 2,5 ettari per un totale di 300 piante. Insieme a lui c’è Unai, il cane di razza amstaff che lo segue ad ogni passo e che, al minimo rumore sospetto, abbaia. Ciò è avvenuto anche quel pomeriggio, ma fuori dalla roulotte che utilizza come deposito per gli attrezzi non trova un amico venuto a fargli visita ma un agente di Polizia che, armato di pistola, gli ordina di legare il cane, pena il suo abbattimento immediato. Rimasto sorpreso per un’apparizione tanto inaspettata, Mattia chiede quale sia il motivo di una presenza delle Forze dell’Ordine nel suo terreno, non capisce cosa essi cerchino, ma la risposta non arriva. Leggi tutto “Piombino, libero giovane coltivatore di canapa industriale”

Intervista: analisi delle motivazioni della Cassazione

Canapa Legislazione

Intervista all’Avv. Paola Bevere del Foro di Roma, esperta in diritto penale e internazionale nonché Presidente dell’Associazione Antigone Lazio.

Redazione: La pubblicazione delle motivazioni della sentenza del 30 Maggio scorso ha scatenato un fervente dibattito tra le varie correnti di pensiero riguardanti la canapa. Perché è stata emessa una sentenza che non fa chiarezza su un argomento già di per sé spinoso? Leggi tutto “Intervista: analisi delle motivazioni della Cassazione”

Canapa: dopo la sentenza, le motivazioni.

Canapa Legislazione

Tutto molto complicato.

L’oramai arcinota sentenza del 30 maggio scorso ha scombussolato tutto l’ambiente della commercializzazione della cannabis light, creando un clima di incertezza totale, sommata a disagi creati, loro malgrado, dalle Forze dell’Ordine, costrette ad operare in condizioni di poca chiarezza.

Ebbene, le motivazioni di tale sentenza sono ancora più complesse della sentenza stessa e le conseguenze non tarderanno a palesarsi. Leggi tutto “Canapa: dopo la sentenza, le motivazioni.”

Canapa: dopo la sentenza, i fatti

canapa legislazione

In questi giorni una parte del settore della canapa industriale, in particolare quello legato ai derivati della pianta, è evidentemente sottoposto ad un attacco politico.

Nonostante la sentenza della Corte di Cassazione sulla cannabis light del 30 Maggio scorso non sia stata favorevole, esplicitando che non vi sono destinazioni d’uso conformi alla vendita di derivati e non chiarendo la soglia dell’efficacia drogante, quello che più sta minando la sopravvivenza di migliaia di negozi dedicati alle infiorescenze della canapa è soprattutto il clima politico persecutorio che agevola, in alcuni territori, sequestri illegittimi o eccessivamente pedanti. Leggi tutto “Canapa: dopo la sentenza, i fatti”

Canapa: e se la certificazione la desse lo Stato?

canapa-background-white

Con la sentenza delle Cassazione Riunite del 30 Maggio scorso si è creato un clima di incertezza che, sommato alla disinformazione galoppante e all’assenza di conoscenze del grande pubblico, ha avuto come risultato quello di mettere in difficoltà un intero comparto industriale, più specificatamente la parte commerciale rappresentata dai rivenditori di prodotti di cannabis light, soggetti negli ultimi giorni a chiusure e controlli.

Appurato ormai il fatto che le infiorescenze, le foglie e i semi ricadono ancora sotto il TU degli stupefacenti (legge 301/90) e che il loro tasso di THC deve essere sotto lo 0,5% per non essere classificata come sostanza stupefacente, è opportuno attivare tutti gli strumenti necessari affinché questi prodotti possano essere controllati e certificati da organi competenti e poter finalmente tornare ad essere commercializzati in piena sicurezza. Leggi tutto “Canapa: e se la certificazione la desse lo Stato?”